Progetto Sette Regioni

Scoprite dove viene svolto il progetto More »

Manifestazioni e Gare

Tutte le gare e le manifestazioni Libertas le troverai qui. More »

RISULTATI

Tutti i risultati delle Società Libertas More »

FOTO

Ecco tutte le foto che ci avete inviato More »

More than Sport

JUDO non vuol dire solo Agonismo More »

CONTATTI

Vuoi darci suggerimenti cerchi delle informazioni guarda qui. More »

CALENDARI ATTIVITA LIBERTAS

Scopri le date di tutti gli eventi Libertas More »

 

Pancalli confermato Presidente del CIP

Luca Pancalli è stato confermato al vertice del Comitato Italiano Paralimpico dal Consiglio Nazionale riunito alla Casa delle Armi del Foro Italico a Roma.

Pancalli, alla guida del movimento dal 2000, rieletto con 51 preferenze sui 56 aventi diritto, si appresta ad essere il primo numero uno da quando il CIP è stato riconosciuto come Ente Pubblico. Una trasformazione per cui il dirigente romano si è battuto con tenacia e determinazione per restituire la giusta dignità ad un movimento che ricopre un ruolo determinante nel welfare di questo Paese e che opera per il bene della collettività.

Queste le parole di Pancalli:

“Oggi il Comitato paralimpico non è Luca Pancalli, ma qualcosa che rimarrà nella storia del Paese: sono tanti anni che appartengo a questo mondo e sono assolutamente consapevole di essere di passaggio, ma nel nostro percorso di vita si puo’ realizzare qualcosa pur non essendo nulla”.

“Abbiamo chiuso un libro – ha continuato il dirigente romano – Oggi idealmente comincia la scrittura di un nuovo volume, che è tutta da colorare di pagine piene di grandi risultati sportivi. Ma allo stesso tempo vogliamo rappresentare un pezzo di welfare del Paese: non dimentichiamo che i protagonisti della nostra azione sono i nostri grandi atleti e soprattutto chi ancora non sa di esserlo. Dobbiamo tirare fuori dalle case questi ragazzi e queste ragazze”.

Questo il commento del Presidente del CONI Giovanni Malagò:

“Ieri il Cip era una delle federazioni del Coni, oggi è un comitato autonomo, indipendente. Luca si è battuto come un leone per questo obiettivo. Sarebbe bello se un giorno si potessero valorizzare al meglio le sinergie e le potenzialità dei nostri due mondi. Non so se serviranno dieci o cento anni, ma secondo me questo deve essere il nuovo traguardo, sicuramente complicato da perseguire”.

il Presidente Nazionale della Libertas Luigi Musacchia, presente all’assemblea ha così sottolineato l’impegno della Libertas sul tema dell’inclusione e della partecipazione:

“Intercorrono con l’avv. Luca Pancalli consolidati rapporti di amicizia e di stima. Esprimo, a nome di tutto il movimento che ho l’onore di rappresentare, le più sincere congratulazioni per la plebiscitaria conferma al vertice del Comitato Italiano Paralimpico. L’avv. Pancalli ha svolto in questi ultimi anni una straordinaria azione promozionale per conferire cittadinanza e visibilità al grande sommerso degli sportivi diversamente abili. Un impegno di altissimo profilo culminato nella trasformazione del CIP in Ente Pubblico.”

La Libertas – nel corso dei suoi oltre settant’anni di storia – ha sempre rivolto una sensibile attenzione verso la promozione umana e l’inclusione sociale dei diversamente abili. Una mission ribadita con forza nel novembre 2016 all’Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva di Riccione. Nel cospicuo palmarès hanno legittimato un posto di primo piano le medaglie conseguite dagli atleti paralimpici che hanno esaltato i colori della Libertas in Italia ed all’estero.

La qualificata progettualità si è espressa in molteplici testimonianze a livello nazionale e territoriale. Fra le più recenti realizzazioni della Libertas nell’area della disabilità: “Sportinsieme – Progetto pilota sul rapporto tra sport, disabilità e qualità della vita” (Presidenza Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità); “Sport senza barriere”(Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali); “Arte e sport – Strumenti di inclusione per la disabilità adulta” (Regione Lazio); “Talentinrete” (Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù); “Libertas – Identità in formazione” (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali).