Progetto Sette Regioni

Scoprite dove viene svolto il progetto More »

Manifestazioni e Gare

Tutte le gare e le manifestazioni Libertas le troverai qui. More »

RISULTATI

Tutti i risultati delle Società Libertas More »

FOTO

Ecco tutte le foto che ci avete inviato More »

More than Sport

JUDO non vuol dire solo Agonismo More »

CONTATTI

Vuoi darci suggerimenti cerchi delle informazioni guarda qui. More »

CALENDARI ATTIVITA LIBERTAS

Scopri le date di tutti gli eventi Libertas More »

 

Category Archives: DAL SITO NAZIONALE

AVVISO PUBBLICO – CNS LIBERTAS

Indagine di mercato volta all’affidamento dell’appalto avente ad oggetto i servizi di copertura assicurativa del Centro Nazionale Sportivo Libertas (di seguito “C.N.S. LIBERTAS“) mediante procedura ristretta ad evidenza pubblica.

file pdf CNS LIBERTAS – AVVISOPUBBLICO

Miur, “Sperimentazione didattica studente-atleta di alto livello”

Il D.M. 935 del 11/12/2015, emanato in attuazione dell’art.1, comma 7 lettera g della Legge n.107/2015, offre l’opportunità alle istituzioni scolastiche interessate di prendere parte ad un Programma sperimentale, mirato ad individuare un modello di formazione per sviluppare una didattica innovativa supportata dalle tecnologie digitali e relativa valutazione, dedicata a tutti gli studenti-atleti di alto livello iscritti negli Istituti secondari di secondo grado statali e paritari del territorio nazionale.

L’obiettivo è quello di sostenere e supportare le scuole nella programmazione di azioni efficaci che permettano di promuovere concretamente il diritto allo studio e il successo formativo anche degli studenti praticanti un’attività sportiva agonistica di alto livello.

file pdf Sperimentazione didattica studente-atleta di alto livello

Terzo settore, incontro delle ASD: al tavolo anche il ministro Lotti

La riforma del Terzo settore apre scenari di importante cambiamento per le Associazioni dilettantistiche sportive, che rischiano, però, di non conciliarsi con l’idea di un Terzo settore includente e con un’adeguata valorizzazione dello sport sociale.

In particolare, le previsioni del Codice del Terzo settore e la mancata armonizzazione con la disciplina delle ASD, potrebbero spingere il mondo dell’associazionismo sportivo fuori dal Terzo settore.

Per questo motivo il Forum Nazionale del Terzo Settore, che al suo interno conta anche 9 tra reti di associazioni e enti di Terzo settore sportivo (per un totale di 50mila associazioni e 7milioni di associati), ha promosso, attraverso la sua Consulta “Cultura, Sport, Turismo, Benessere”, un incontro per discutere le problematicità della riforma e avanzare proposte di miglioramento.

All’incontro, che si è svolto ieri 11 settembre a Milano, ha partecipato anche il ministro per lo Sport Luca Lotti.

Il ministro ha dato piena disponibilità a collaborare in un’azione concertata e diretta con il Forum Terzo Settore e le sue rappresentanze tecnico-legislative sportive, convinto del reale valore sociale dello sport.

Lo sport rappresenta una frontiera di impegno sociale fondamentale, in grado di promuovere benessere per tutti, ad ogni età ed in ogni fase del ciclo di vita della persona. La volontà delle ASD è quella di riconoscersi nel Terzo settore italiano, condividendo con il resto del sistema associativo opportunità di servizio alle comunità e alle persone.

“E’ importante che le politiche pubbliche si impegnino a far entrare lo sport nella vita quotidiana di tutte le persone e nelle varie fasi della vita. Il Terzo settore è la casa naturale dello sport sociale”, ha dichiarato la portavoce del Forum Claudia Fiaschi. “Siamo fiduciosi nel fatto che il dialogo che si è aperto con il ministro possa favorire la soluzione alle problematiche aperte”.

All’incontro hanno partecipato, oltre alla portavoce del Forum, i rappresentanti dei 9 enti di promozione sportiva aderenti al Forum: ACSI, AICS, CNS LIBERTAS, CSEN, CSI, OPES ITALIA, PGS, UISP, US ACLI.

Il coordinatore della Consulta “Cultura, Sport, Turismo, Benessere”, Stefano Gobbi, si occuperà dell’armonizzazione dei lavori del Forum Terzo Settore, enti sportivi e ministero dello Sport.

SCHEDA RACCOLTA DATI – SETTORE JUDO

la presente per richiedervi di segnalarci  i vostri atleti che nel 2017 abbiano vestito la maglia azzurra nelle competizioni di judo:

scheda raccolta dati

Atleti e Tecnici segnalati verranno premiati in occasione del Campionato Nazionale Libertas di Judo che si svolgerà il 14-15 Ottobre a Celle Ligure.

Per motivi organizzativi le segnalazioni dovranno pervenire entro venerdì 29 Settembre 2017 all’indirizzo mail del sottoscritto (muzzin.edoardo@gmail.com)

Il corso per docenti “postura-attività fisica-sport” ribadisce le valenze formative della Libertas

Il nostro format online “Libertas Sprint” inaugurava sul numero 6 (31 ottobre 2014) la campagna nazionale di prevenzione ergonomica nella scuola per tutelare l’integrità psicofisica dei giovanissimi. Il focus puntava la lente di ingrandimento sulle risultanze della ricerca “Ergonomia a scuola – A scuola di ergonomia” effettuata dal Dipartimento Medicina del Lavoro dell’INAIL.

Dall’indagine emergeva che i disturbi muscolo-scheletrici (mal di schiena, scoliosi, iperlordosi lombare, ecc.) colpiscono alte percentuali di giovanissimi nelle scuole a causa di patologie posturali nei banchi non ergonomici e di zainetti eccessivamente gravosi che incidono sulla colonna vertebrale in fase di sviluppo.

Il tema della “postura” è stato al centro del corso di formazione per docenti che si è svolto recentemente a Chieti nell’Aula “Leonardo Vecchiet” del Centro Universitario di Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università degli Studi “Gabriele D’Annunzio”. Fra le finalità del corso quella di rendere i docenti consapevoli delle relazioni tra la postura e la dinamica corporea all’interno dei programmi di attività fisica adattata e in relazione alle attività sportive agonistiche.

La corretta preparazione atletica e l’attività fisica sono intrinsecamente legate alla capacità di mantenere un assetto posturale idoneo. Il corso fornisce strumenti e conoscenze per la prevenzione dei traumi e delle lesioni sportive, per implementare la performance e nuovi indici e tecnologie per la definizione dei programmi di allenamento. Inoltre una sessione del corso è dedicata ad approfondire il tema del primo soccorso sui campi di gara. Il laboratorio e le valutazioni in campo permetteranno l’acquisizione di metodologie e tecniche da poter utilizzare nei contesti pratici di lavoro. Il corso fornisce ai docenti di educazione fisica l’opportunità di approfondire gli elementi tecnici, approfondire le proprie competenze attraverso la partecipazione ad un evento di rilevanza nazionale e l’implementazione di competenze.

L’adesione allo SNaQ (Sistema Nazionale delle Qualifiche tecniche) della Scuola dello Sport CONI rappresenta per la Libertas un importante riconoscimento che si affianca alla certificazione di qualità PLC e FAC. La legislazione UE – per quanto concerne la formazione nello sport – sancisce che “per i titoli delle qualifiche sportive rilasciati da federazioni nazionali o da altri organismi sportivi (enti di promozione sportiva) rientrano nel campo di applicazione di questo sistema quando questi organismi sono stati formalmente abilitati da un’autorità pubblica (Scuola dello Sport CONI) a rilasciare tali qualifiche”.

In ricordo di Mimmo Di Meo, storico pilastro della Libertas

La Libertas si stringe nel ricordo di Mimmo Di Meo, venuto a mancare lo scorso 13 agosto all’età di 86 anni.

Esponente di spicco della politica messinese e pilastro della Libertas, Mimmo Di Meo ha dedicato gran parte della sua vita allo sport. Da quando, nel lontano 1948, divenne presidente dell’Azione Cattolica SS Crocifisso, per poi fondare la GS Virtus San Papino, di cui fu presidente e allenatore. La Virtus, sotto la sua guida, rappresentò per anni lo sport a Milazzo e provincia, diventando la prima aggregazione giovanile locale a mettersi in gioco in ambito provinciale nel calcio, nel basket, nell’atletica leggera e nel nuoto.

Poi la svolta decisiva. Nel 1953 promosse la costituzione della Libertas Nino Ferrara, associazione intitolata ad un giovane universitario scomparso prematuramente, che si affermò in poco tempo come una delle realtà più prolifiche in ambito agonistico e promozionale. Dal sodalizio tra Di Meo e la Libertas si formarono moltissimi atleti di livello in grado di lasciare un segno indelebile nello sport milazzese.

Il successo e la popolarità della Libertas Ferrara varcarono i confini cittadini e nel giro di qualche anno Mimmo Di Meo fu nominato Presidente Provinciale Libertas, una carica che sarà riconfermata all’unanimità per decenni. Nel 1992 venne nominatoPresidente Regionale Libertas, nel 2003 fu eletto presidente dell’Assemblea Nazionale Libertas, e cinque anni dopo, nel 2008, entrò nel consiglio regionale del CONI.

Grazie alla sua longevità ed allo straordinario impegno profuso nella diffusione dello sport e nella fulgida gestione della cosa pubblica, furono innumerevoli i titoli che Di Meo poté annoverare lungo la sua carriera. Un Alloro Libertas di 1° grado, un Premio Fedeltà FIGC, unPremio Disciplina FIGC, una Stella d’Oro FIGC, le benemerenze di Cavaliere, Cavaliere UfficialeCommendatore e Grande Ufficiale al merito della Repubblica, ed una Stella d’Oro del CONI.

E’ grazie a lui se oggi molti giovani si sono avvicinati allo sport, con serietà, passione e lealtà, le stesse virtù che anno sempre animato, e per cui è doveroso ricordare, il Professor Mimmo Di Meo.

Premio Alberto Madella 2017. Una occasione per i giovani ricercatori

Alberto Madella è stato consulente scientifico e componente del Comitato di Indirizzo Metodologico-Scientifico della Scuola dello Sport del CONI diventando un punto di riferimento nel campo della ricerca scientifica applicata allo sport.

Il Coni, indice anche quest’anno, per ricordare l’importanza della sua figura e della sua metodologia, il “Premio Alberto Madella per la ricerca applicata allo sport”, pensato per valorizzare la produzione scientifica in campo sportivo e i giovani ricercatori.

Il concorso, giunto alla sesta edizione, è organizzato dalla Scuola dello Sport con l’obiettivo di diffondere una maggiore sensibilità nei confronti della ricerca scientifica e la sua applicazione in ambito sportivo.

Il premio prevede l’assegnazione di tre borse di studio, ai candidati che  presenteranno, entro il 30 settembre 2017, una ricerca non ancora pubblicata su riviste nazionali o internazionali attinente ai tre campi di ricerca che il prof. Madella ha contribuito a sviluppare:

  • Metodi, mezzi e valutazione dell’allenamento e dell’insegnamento dello sport
  • Le scienze sociali applicate al contesto sportivo
  • La gestione, l’organizzazione e la valutazione dell’organizzazione sportiva

 

Consulta il bando o vai sulla sezione dedicata della Scuola dello Sport CONI per partecipare al Premio Madella 2017

Chiusura degli uffici del Centro Nazionale Sportivo Libertas

Si comunica che gli uffici del Centro Nazionale Libertas rimarranno chiusi per le ferie estive da lunedì 14 agosto a domenica 20 agosto.

CONI, via libera del Consiglio alla proroga per le discipline sportive

Votata all’unanimità l’estensione temporale del riconoscimento delle Asd nel Registro nazionale al 31 dicembre 2017.

Si è riunito ieri pomeriggio, alle ore 15.00, presso il Salone d’Onore del Foro Italico, il 254° Consiglio Nazionale del CONI.

Nel corso dell’incontro è stato discusso un cospicuo ordine del giorno. Dall’approvazione – all’unanimità – del verbale della riunione del 13 giugno 2017, passando per le comunicazioni del Presidente Giovanni Malagò che ha voluto aprire i lavori ricordando i personaggi del mondo sportivo scomparsi nell’ultimo mese e sottolineando i prestigiosi risultati recentemente ottenuti dagli azzurri. Si è poi discusso circa l’importanza dell’introduzione della legge sullo Ius Soli in relazione allo sport, nel rispetto del lavoro di Governo e Parlamento, ed in merito all’entrata in vigore della legge sui defibrillatori, definito un “traguardo indispensabile” ottenuto “pur salvaguardando la specificità delle discipline sportive”.

Votata all’unanimità anche la delibera secondo cui viene concesso fino al 31 dicembre 2017 il tempo per l’adeguamento delle associazioni sportive dilettantistiche al nuovo elenco delle discipline ammesse per l’iscrizione al Registro CONI.

La decisione, anticipata in parte il 14 febbraio scorso in occasione della Giunta Nazionale del CONI, quando venne accolta la richiesta avanzata dal Coordinamento degli Enti di Promozione Sportiva, prevede dunque di mantenere fino al termine dell’anno in corso le iscrizioni al Registro per quelle associazioni e società sportive dilettantistiche le cui discipline praticate non rientrano più tra quelle approvate dal CONI.

Il voto all’unanimità raggiunto ieri, inoltre, proroga al 31 dicembre la scadenza che prima risultava fissata al marzo scorso.

Approvate all’unanimità anche le seguenti delibere: Corrado Calabrò nominato Garante del Codice di Comportamento Sportivo per il quadriennio 2017-2020; Regolamento della Commissione Nazionale Tecnici Sportivi: Regolamento per l’assegnazione delle Onorificenze Sportive; Composizione Commissione per le Benemerenze Sportive quadriennio 2017-2020; approvata con un astenuto la delibera relativa al Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche-Regolamento di Funzionamento (sostituzione stesura approvata con deliberazione n. 1394 del 19 giugno 2009).

Kit affiliazione